Il dodicesimo congresso regionale della Uil Calabria ha confermato Santo Biondo nella carica di Segretario generale. La decisione è giunta, all’unanimità, al termine dei lavori congressuali che si sono svolti presso l’auditorium «Unità d’Italia» di Roccella Jonica. La due giorni congressuali della Uil Calabria, che ieri ha vissuto una giornata intensa presso l’hotspot per i migranti operativo al porto «Delle Grazie» di Roccella Jonica, è stata conclusa dall’intervento del Segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri. “Le persone ora stanno male, ora sono vessate dall’inflazione, ora sono sommerse dalle bollette. Eppure – ha concluso Bombardieri – il decreto aiuti bis continua a prevedere solo 2 miliardi e mezzo su 17 a favore di lavoratori e pensionati: ribadiamo, dunque, il nostro giudizio di insufficienza nei confronti di questo provvedimento». Nella sua relazione Biondo ha rilanciato la «Vertenza Calabria».

«Dopo il venticinque settembre – ha detto Biondo – occorre lavorare sodo affinchè questa «Vertenza Calabria» diventi una richiesta che l’intera classe dirigente avanza nel rapporto con i vertici nazionali. Una rivendicazione di carattere regionale, che vi trovate nel dettaglio nella versione integrale, che attenziona cinque punti: Strada statale Jonica 106; Zes; porto di Gioia Tauro; Alta Velocità ferroviaria e assunzioni di personale nella sanità. Sulla Vertenza Calabria – ha concluso Biondo – è utile riaccendere i riflettori, soprattutto, in questa fase pre elettorale in cui la politica appare distratta davanti alle richieste che pervengono dai territori. Occorre rilanciare questa vertenza, deve diventare la battaglia di tutta la Calabria».

© Riproduzione riservata