“L’acqua, l’ambiente e le risorse naturali sono i tre pilastri sui quali il Governo Bardi è impegnato a costruire le presenti e le future prospettive di sviluppo regionale. Per quanto concerne l’ambiente, il piano paesaggistico – che in questi mesi è oggetto di ulteriori miglioramenti – è in avanzato stato di redazione, per quanto concerne le risorse naturali, l’importante passo è stato compiuto nella revisione degli accordi oil e non oil, forieri di importanti e inediti benefici per le comunità lucane. Parlare di risorse idriche significa innanzitutto affrontare il tema della frammentazione delle competenze in materia, riconducendo ogni separata interlocuzione ad una comune visione strategica, che miri innanzitutto all’efficientamento della rete e del servizio. Il 60% di dispersione idrica è un dramma che abbiamo ereditato e che dobbiamo affrontare con assoluta urgenza.

Questi i nuovi impegni che l’assessorato e la competente direzione generale per l’ambiente, il territorio e l’energia stanno traducendo in azioni concrete. Stiamo procedendo a passi decisi al riavvio del tavolo dell’accordo di programma tra le regioni Basilicata e Puglia, sopito per troppi anni, sede nella quale è stabilito che trovino definizione le questioni connesse al trasferimento di risorsa idrica tra le due regioni. Per noi la priorità è la definizione della quota delle compensazioni ambientali da erogarsi alla Regione Basilicata e le modalità di utilizzo di tali risorse per l’attuazione degli interventi individuati nell’accordo.

Dall’altro, l’istituzione del tavolo tecnico permanente “Acqua” presso la direzione per l’ambiente, territorio ed energia, che si propone di offrire un ambito di interlocuzione comune a tutti i soggetti che a livello regionale, a diverso titolo, intervengono sul tema delle risorse idriche. Si tratta di un momento importante verso una visione finalmente unitaria della risorsa più importante della Basilicata”. Lo afferma in una nota l’Assessore all’Ambiente ed Energia, Cosimo Latronico.