I risultati delle Parlamentarie ancora sono stati resi noti eppure i potenziali candidati al Parlamento del Movimento 5 Stelle, ieri pomeriggio, si sono recati in processione a Vibo Valentia, negli uffici del deputato Riccardo Tucci, per consegnare tutta la documentazione necessaria alla presentazione della lista.
Agli aspiranti candidati non è stata comunicata la posizione che eventualmente occuperanno nelle liste del Movimento: se saranno, cioè, candidati o supplenti, ossia riserve in caso qualcuno si ritiri, e soprattutto se occuperanno le prime posizioni della lista bloccata, o una posizione defilata, che dà pochissime possibilità di essere eletti. La graduatoria, stilata in base alla quantità di voti ricevuti alle Parlamentarie, determina infatti l’ordine all’interno della lista. A meno che non arrivi qualcuno dei 15 nomi del listino di Giuseppe Conte, che andrebbe a prendere il posto di capolista, scalzando l’eventuale candidato più votato.

In Calabria, scartata l’opzione Vittoria Baldino (la deputata potrebbe rientrare in corsa attraverso un massiccio consenso della base), si sta facendo largo la strada che porta a Federico Cafiero de Raho.

Leggi l’articolo completo sull’edizione cartacea di Gazzetta del Sud – Calabria

© Riproduzione riservata