Dopo l’ennesimo incendio a Scanzano Ionico, che questa volta ha interessato una importante azienda agricola, riteniamo necessario che si assumano iniziative immediate per organizzare la risposta democratica agli attentati che mirano a colpire la civile convivenza in un’area strategica della nostra regione. Ad affermarlo, in una nota è Salvatore Adduce, coordinatore della presidente delle Autonomie Locali italiane (Ali).

È necessario-aggiunge Adduce- innanzitutto ristabilire le normali condizioni della vita democratica permettendo subito che i cittadini di Scanzano possano scegliere liberamente e democraticamente gli amministratori comunali. Dunque chiediamo alla Ministra Lamorgese di convocare subito le elezioni comunali senza aspettare ancora un anno quando ci sarà il prossimo turno delle amministrative. Dopo quasi due anni e mezzo dallo scioglimento e commissariamento del consiglio comunale, è indispensabile rispristinare le normali condizioni di vita democratica.

Da parte sua la Regione Basilicata ha il dovere di assumere ogni utile iniziativa finalizzata al sostegno di una popolazione costantemente sotto attacco della criminalità. Il sistema delle autonomie locali è chiamato a sua volta ad un’azione di forte solidarietà nei confronti di un territorio vessato dalla malavita. Rivolgiamo un appello a tutte le forze politiche democratiche -conclude- perché in questo grave momento assumano la responsabilità di vigilare contro il fenomeno malavitoso con un impegno collettivo e unitario per salvaguardare la sicurezza della comunità.