“Da non vaccinato chiederò conto al ministro della Salute delle follie del green pass”. Così Mario Adinolfi annuncia la sua candidatura da capolista per l’Alternativa per l’Italia (APLI), il movimento fondato con Simone Di Stefano, già Casapound, nel collegio senatoriale della Basilicata. “D’accordo con Simone ho deciso di sfidare per conto di Alternativa per l’Italia il ministro Roberto Speranza nella sua terra. Mi candido in Basilicata al Senato da non vaccinato e gli chiederò conto in nome di cinque milioni di italiani non vaccinati e quattordici milioni che non hanno fatto le tre dosi e di trenta milioni di ricattati, delle folli logiche del green pass -aggiunge in una nota- Chiederò a un ministro di sinistra come Speranza come ha potuto permettere che il sacrosanto diritto al salario per centinaia di migliaia di famiglie sia stato conculcato insieme alla lesione di una infinità di altri diritti costituzionali, fino a far somigliare l’Italia al Sud Africa dell’apartheid, sempre attraverso lo strumento del green pass”. (ANSA). Adinolfi è certo che Speranza si candiderà in Basilicata?