Attendono ancora di poter sottoscrivere il contratto istituzionale gli enti locali beneficiari della prima tranche del Cis Calabria “Svelare bellezza”. Dopo la firma a Tropea lo scorso 21 giugno da parte del ministero per il Sud e dei dicasteri interessati, oltre che della Regione, non è ancora avvenuta la formalizzazione del contratto con le realtà che hanno ottenuto i fondi. E se da un lato vi è comunque la certezza dei finanziamenti ormai stanziati, dall’altro c’è però anche la consapevolezza, e per certi versi la preoccupazione, di non poter ancora compiere quei passi ufficiali necessari per l’attivazione del percorso vero e proprio, ovvero la realizzazione dei progetti.
Di fatto solo la formalizzazione dell’atto convenzionale porterà all’istituzione dei relativi capitoli di spesa in bilancio, portando alla determina a contrarre e alle successive tappe degli iter verso gli appalti. «Al momento – spiega il dirigente di un ente – si tratta di un importante atto di indirizzo politico ma non è ancora un vero e proprio atto amministrativo».

Leggi l’articolo completo sull’edizione cartacea di Gazzetta del Sud – Calabria

© Riproduzione riservata