Se ne era vociferato a lungo e ora è realtà. L’ultima poesia è infatti il titolo della nuova e attesissima collaborazione tra due giganti della musica italiana contemporanea: Geolier e Ultimo. Questa straordinaria unione artistica promette di regalare al pubblico un’esperienza musicale indimenticabile, caratterizzata dalla fusione di due mondi diversi ma sorprendentemente complementari.

Il singolo, prodotto dai rinomati Takagi & Ketra, nasce da un’intensa amicizia e stima reciproca tra i due artisti, che negli ultimi anni si sono spesso incontrati tra Roma e Napoli. Il risultato è una canzone potente e coinvolgente, il cui impatto emozionale è ulteriormente amplificato dalla partecipazione di Ultimo che, per la prima volta, registra la sua voce in napoletano, omaggiando così la città che ha spesso definito la sua seconda casa.

L’ultima poesia rappresenta il naturale seguito di I p’ me, tu p’ te, con il fluire inconfondibile di Geolier che si intreccia con l’anima cantautorale di Ultimo. La canzone narra infatti della fine di un amore, esplorando le emozioni complesse e contrastanti che accompagnano tale esperienza. Questo nuovo progetto musicale, atteso da tempo dalle fanbase di entrambi gli artisti, segna anche un momento significativo per Ultimo, che torna a collaborare con un artista italiano dopo sei anni.  Come detto, l’annuncio del singolo arriva dopo mesi di rumors da parte dei media, che hanno già avuto modo di osservare i due talenti esibirsi insieme a Napoli.

Un brano che è in cantiere dallo scorso autunno e che promette di essere un altro successo di Geolier. Il suo ultimo album, Il coraggio dei bambini, ha ottenuto la certificazione cinque volte platino e ha dominato le classifiche di ascolto nel 2023. Con questi numeri, Geolier si è affermato come una delle figure di spicco dell’urban italiano che lo ha portato a calcare il palco dell’Ariston. Ora il cantante è pronto a portare la sua energia e il suo talento in giro per l’Italia con il tour Geolier Live 2024, uno degli eventi musicali più attesi dell’estate.

L’annuncio di “L’ULTIMA POESIA” arriva a pochi giorni da quello del terzo sold out di Geolier allo Stadio Diego Armando Maradona, nel corso di una festa lunga 3 giorni a Napoli e per Napoli. Il tour di Geolier, prodotto da Magellano Concerti, lo vedrà esordire live il 15 giugno allo Stadio di Messina, per poi approdare il 21, 22 e 23 giugno allo Stadio di Napoli e continuare fino al 16 agosto al Red Valley, passando dal Rock In Roma (28 giugno), Nosound Fest a Servigliano (29 giugno), Lucca Summer Festival (5 luglio), Fiera Milano Live (6 luglio) Sonic Park a Stupinigi TO (12 luglio) e Oversound Music Festival a Gallipoli (12 agosto). 

Ecco il testo de L’ultima poesia:

“Quando tu sola te ne vaje
Tu sola te ne tuorne
Nun t’annasconnere che ‘o ssaje
T’arragge e nun t’adduorme
Na vita nn’è abbastanza pe te conoscere in fondo
Visto ca tu nun permiette maje a nisciuno ‘e ro fa’
Essere nuje è difficile pecché sapimmo si
Ce vene ditta na bugia oppure na verità
Na notte ca nun schiara e ‘sti penziere se ne fuiono
N’abbraccio brucia ‘e mmane
Staje lontano o te ne fuie da me
E cetti vote no, nun è accusi difficile
A sta nzieme a te equivale a vivr e m’accirr

 Tant ammur pecche n’vuo sta tu solo
Ma stai solo pure si stai cu me
Comme vuo ca te vojo bene
Se ogni abbraccio è na catena all’anema
Cancella tutt cose o munn nun esiste
Però esist ancora tu
E tagg scritt l’ultima poesia
Tant ammur pecche n’vuo sta cu te

N’criscimm mai pecche criscimm tropp ambress
U male è sempr o stess però tu o guard divers
Simm iut o manicomio chiu e na vot
Lu vid che è fennut na canzon senz not
E non pazziam chiu io e te
E non m’hai ritt chiu pecche
Te ne si iut luntan a me
Io luntan a te nun vojo sta pe nu juorn e chiu
Dalla fine non è vero che noi murimm
Noi ce sceglimm chi porta cu nuj n’ta nata vita
Facimm ammore e men a guerr, o c’assomigl
Te conoscevo prima e te conoscr pe fint
Pero n’fa niente, no nun è accusi difficile
A sta nzieme a te equivale a vivr e m’accirr

Tant ammur pecche n’vuo sta tu solo
Ma stai solo pure si stai cu me
Comme vuo ca te vojo bene
Se ogni abbraccio è na catena all’anema
Cancella tutt cose o munn nun esiste
Però esist ancora tu
E io ti ho scritto l’ultima poesia perché
Pensavo che così non ti scordavi me
Ma io scordavo te
È una finta verità che mi brucia
Ma guarisce il cuore

Tant ammur pecche n’vuo sta tu solo
Ma stai solo pure si stai cu me
Comme vuo ca te vojo bene
Se ogni abbraccio è na catena all’anema
Cancella tutt cose o munn nun esiste
Però esist ancora tu
E tagg scritt l’ultima poesia
Tant ammur pecche n’vuo sta cu te”