Nel febbraio del 2020, durante la sua performance con Shakira all’haftime show del SuperBowl, Jennifer Lopez aveva chiamato a esibirsi insieme a lei anche la figlia Emme Maribel Muñiz, nata nel 2008 dalla relazione con Marc Anthony. A distanza di oltre tre anni dall’esibizione per la finale del campionato NFL di football americano, J.Lo ha voluto in qualche modo ricreare quel momento durante un suo show per l’annuale Blue Diamond Gala della Los Angeles Dodgers Foundation.

Sul palco del Dodger Stadium, infatti, la superstar newyorchese di origini portoricane ha dato il via alla sua performance invitando in scena la 14enne Emme, usando i pronomi neutri ‘they/’them’, come adottati nella lingua inglese per riferirsi a chi non si identifica nel tradizionale binarismo di genere maschile/femminile. “L’ultima volta che abbiamo cantato insieme lo abbiamo fatto in un grande stadio come questo ed è da quella volta che chiedo loro (I asked “them”) di cantare con me, ma non ha voluto. Questa, però, è un’occasione davvero speciale“, ha detto Jennifer Lopez al pubblico, prima di eseguire insieme alla figlia “A Thousand Years” di Christina Perri, la sua iconica “Let’s Get Loud” con frammenti di “Born in the U.S.A.” di Bruce Springsteen, e “Respect” di Otis Redding.