Al via il Festival Internazionale del '700 Napoletano - Napoli Village - Quotidiano di Informazioni Online

Torna, dal 4 al 30 dicembre 2022, il Festival Internazionale del Settecento Musicale Napoletano, giunto alla XXII edizione. “La Scuola Musicale Napoletana”, è il tema della kermesse a cura dell’Associazione Domenico Scarlatti, riconosciuta dal Ministero alla Cultura tra i Festival Nazionali, ammessa all’European Festivals Association e patrocinata dalla Regione Campania e dalla Città Metropolitana di Napoli.

14 concerti e 7 location per un percorso musicale lungo la genesi della Scuola Musicale Napoletana che propone un itinerario partendo da Le jeu de Robin et de Marion di Adam de la Halle sino ai giorni nostri con le contaminazioni del Porpora Jazz Project e delle musica contemporanea con Giovannella Gesualdo: Madrigale per un Principe Assassino di Enzo Amato, passando attraverso la parentesi in terra partenopea del grande virtuoso Niccolò Paganini e lavori di alcuni dei massimi esponenti dei quattro antichi Conservatori, quali Domenico Terradellas, Francesco Durante, Domenico Cimarosa, Leonardo Vinci, Gian Francesco de Majo. 

“Da questa edizione, il Festival si pone come un evento irrinunciabile per Napoli. Non soltanto perché si estende nella città, non limitandosi al centro antico, ma anche perchè coinvolge molti giovani talenti. Ciò favorisce il ricambio generazionale e il recupero di partiture inedite come il Dixit Dominus di Gian Francesco De Majo che pone il nostro evento all’attenzione internazionale. Il trio Plaerdemavida con Paloma Chiner e l’Ensemble Quadrivium pongono invece le basi per relazioni europee che vedranno protagonista la nostra musica del Settecento. Il coinvolgimento di protagonisti affermati come il Quartetto Dafne, Riccardo Canessa, Raffaella Ambrosino, Giuseppe Naviglio, Gabriella Colecchia, e la riproposizione di lavori importantissimi ma pressoché dimenticati come la prima opera in musica della storia rappresentata a Napoli alla fine del XI secolo Le jeu de Robin et de Marion riproposta dall’Ensemble Comtessa de Dia diretta da Ferdinando De Martino,  confermano la qualità della nostra proposta che va ben oltre ad una semplice rassegna musicale”, ha spiegato Enzo Amato, presidente dell’associazione Domenico Scarlatti. 

Il programma sarà inaugurato, domenica 4 dicembre ore 11.30 dal concerto, Porpora Jazz Project con Emilia Zamuner voce Francesco Scelzo chitarra Enrico Valanzuolo tromba, alla Domus Ars Arte Ricerca e Spettacolo (Via Santa Chiara 10 – NapoliIl Conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo Trio Plaerdemavida Ensemble Paloma Chiner soprano, Jorge Fanjul violoncello, Pablo García-Berlanga pianoforte. Musiche di M.  Terradellas alla Domus Ars Arte Ricerca e  Spettacolo;

Sabato 10 dicembre ore 19.30 “Invida fortuna” Johannes Vaerwer detto Tinctoris: La musica a Napoli ai tempi di Ferdinando I di Aragona con Ensemble vocal   Quadrivium Ars et Musica di Parigi. Direttore Anna Daniela Sestito. Sala del Capitolo Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore (vico San Domenico Maggiore, 18);

Domenica  11 dicembre ore 11.30 “L’Arte dei Partimenti” improvvisazione sui partimenti dei Maestri del Conservatorio della Pietà dei Turchini. Canio Fidanza clavicembalo, alla Domus Ars Arte Ricerca e Spettacolo; Giovedì 15 dicembre ore 19.30 “Stupor Mundi” Dalla Sicilia a Napoli la nascita della scuola musicale napoletana: Le jeu de Robin et de Marion Comtessa de Dia  , direttore Ferdinando De Martino alla Chiesa Gotica di Donnaregina Vecchia Museo Diocesano (Largo Donnaregina);

Venerdì 16 dicembre ore 20.30 “Giovannella Gesualdo” Madrigale per un Principe Assassino di Enzo Amato. Con Enzo Amato chitarra ed elettronica, Carolina Aterrano danzatrice, coreografie di Antonello Tudisco, alla Domus Ars Arte Ricerca e Spettacolo;

Sabato 17 dicembre con Francesco Pareti pianoforte, Patrizio Rispo Voce recitante. Alla Chiesa Gotica di Donnaregina Vecchia Museo Diocesano;

Domenica 18 dicembre  ore 11.30 “Casta Diva” Il Conservatorio di San Sebastiano: fucina del bel canto con Sangwon Ahn, soprano, Giovanni Gambardella pianoforte, alla Domus Ars Arte Ricerca e Spettacolo;

Giovedì 29 dicembre ore 19.30 “Cantata di Natale”, Scritto e Diretto da Carlo Faiello. Con Giovanni Mauriello, Elisabetta D’Acunzo, Marianita Carfora, Matteo Mauriello, Santa Chiara Orchestra. Alla Chiesa dell’Immacolata Concezione a Capodichino, Chiesa Barocca di Donnaregina Nuova Museo Diocesano.

Costo del biglietti: 12 euro di cui 2 saranno devoluti a favore del Villaggio della Solidarietà “Con Noi” e sono acquistabili sul portale di www.azzurroservice.net