La formula dello spettacolo, ideata ventisette anni fa, da Lara Sansone, si conferma vincente; un lavoro che rispetta appieno la linea della Tradizione tipica del teatro Sannazaro ed è apprezzato dal pubblico che, edizione dopo edizione, mostra di gradire questo show in cui si fondono, con sapiente equilibrio, musica, teatro e ballo. Lo spettacolo è concepito per regalare anche a Napoli un lavoro che possa restare in scena a lungo come succede in alcune capitali europee con il fado o il flamenco o con i musical americani.

Mitico tempio del varietà napoletano che ha cavalcato la storia fino ad arrivare ai nostri giorni, ammantandosi di un’aneddotica ai limiti del favolistico, il Café Chantant non è solo una grande festa spettacolo.

Il Café Chantant è un “modo” di fare teatro, di giocare con gli stereotipi, con le citazioni, con le dissacrazioni, con i ricordi.

Una successione imprevedibile e mai uguale di performance di teatro, musica, danza e cabaret avvolge una platea fatta non più di belle poltrone messe in ordinata fila, ma di tavoli.

Il pubblico viene coinvolto in una incredibile macchina teatrale totale. Un’antica tradizione rinnovata ogni anno in forme sempre diverse e al passo con i tempi. Perché l’originario Café Chantant della Belle Époque, simbolo della vita spensierata, non parlava mai al passato, ma sempre al presente e al futuro.

Non potevamo esimerci dal mettere in programma il nostro amatissimo format- dice Lara Sansone – che è diventato un vero e proprio cult delle feste natalizie. 

 Il Sannazaro diventerà ancora un luogo dell’arte e dell’anima dove lo spettatore è totalmente al centro dell’azione scenica e diventa protagonista consapevole ed inconsapevole di una grande festa del teatro.

Il nostro spettacolo, nato oltre venti anni or sono è da considerarsi un autentico format teatrale.

Reinventiamo e reiteriamo azioni sceniche antiche e modernissime allo stesso tempo. Senza una apparente logica, l’unico fil rouge è l’operazione stessa, completamente pensata per il pubblico.

Carmela Autiero con il suo “Murzillo chic” ha ideato una coccola culinaria ad hoc:”mi sono ispirata – dice la Autiero – alle atmosfere del cafè chantant ed al periodo del Natale ed ho ideato un biscotto colorato e molto adatto allo show. Vado avanti con la mia idea di coccole e spettacoli, gastronomia e cultura”. 

Orari repliche

Lunedì 26 dicembre ore 21.00

Martedì 27 dicembre ore 21.00

Mercoledì 28 dicembre ore 21.00

Giovedì 5 gennaio ore 21.00

Venerdì 6 gennaio ore 21.00

Sabato 7 gennaio ore 21.00

Domenica 8 gennaio ore 18.00