Al via il primo corso di laurea in modalità ibrida nato dalla partnership tra l'Università di Napoli Federico II e il Politecnico di Torino - Napoli Village - Quotidiano di Informazioni Online

MOOC, lezioni in aula e laboratori: inizia il primo corso di Laurea Magistrale che integra attività in modalità sincrona e asincrona, nato dalla sinergia tra l’Università di Napoli Federico II e il Politecnico di Torino. Il corso “Industrial Chemistry for Circular and Bio Economy” propone infatti un percorso didattico innovativo, interamente in lingua inglese, che affianca alle lezioni in presenza e alle attività di laboratorio, alcuni moduli in formato MOOC (Massive Open Online Courses), fruibili in modalità asincrona, che saranno erogati attraverso la piattaforma Federica Web Learning dell’Università di Napoli Federico II.

L’utilizzo della didattica frontale online, associata a momenti di formazione con metodologie innovative attraverso i MOOC, consentirà allo studente di affrontare un processo di apprendimento attivo e completamente nuovo nel suo genere. Inoltre i MOOC saranno disponibili online e fruibili gratuitamente non soltanto per gli iscritti al corso ma anche per chiunque voglia approfondire le materie trattate.

L’obiettivo di questo percorso, presentato lo scorso giugno a Napoli dal rettore dell’Università Federico II, Matteo Lorito e dal rettore del Politecnico di Torino, Guido Saracco, è fornire una preparazione approfondita per lo sviluppo di nuovi processi e prodotti per l’industria chimica, nella prospettiva dell’Economia Circolare e della Bioeconomia e si propone l’obiettivo di formare una nuova generazione di scienziati, tecnici e manager dotati di competenze tecnico scientifiche e interdisciplinari. Innovativo nei contenuti e nella forma, il corso è fortemente orientato anche al mondo del lavoro: gli studenti avranno infatti la possibilità di svolgere attività di laboratorio e di scrivere la tesi conclusiva presso le tante aziende sparse in tutta Italia che hanno dato la loro disponibilità a stringere una collaborazione con i due atenei. “Transizione ecologica, chimica verde, sostenibilità: grazie all’importante partnership con il Politecnico di Torino abbiamo messo insieme il settore della chimica circolare e sostenibile con il mondo del lavoro – sottolinea il rettore Matteo Lorito – Sono moltissime infatti le imprese che hanno mostrato interesse per questo nuovo corso di studi che arricchisce l’offerta formativa della Federico II nel campo della transizione ecologica e digitale”.