Il programma musicale esplorerà la musica sacra del 1600 in Dresden e Napoli. Le due capitali furono accomunate da un comune destino storico-musicale nel 1600. Infatti, sin dal 1550 circa entrambe ebbero un grande sviluppo di musica rinascimentale, grazie alla presenza di musicisti stranieri.

Dal 1620 circa conobbero le innovazioni introdotte dai primi del secolo da Monteverdi, direttamente e indirettamente. Dresda e la circostante Sassonia recitarono un ruolo di crocevia di influenze religiose e culturali diverse, tra Nord e Sud dell’Europa principalmente, ma la musica non trovò una caratterizzazione locale originale. Per contro, Napoli nel 1600 sviluppò uno stile proprio, capace di “colonizzare” altri centri. Insomma, il concerto sarà una occasione gradevole ma rigorosa per attenzione musicologica per una incursione nell’affascinante mondo della musica corale con interventi solistici.  

Programma completo delle musiche:
http://assodur.altervista.org/domenica-22-gennaio-2023-ore-19-15/ 

In apertura del concerto al pubblico sarà brevemente presentata l’opera primo-barocca più importante della storica chiesa e dell’intera Caserta: la tela “Martirio di San Bartolomeo” attribuita al celebre Belisario Corenzio e datata 1631.  

L’evento è realizzato col supporto logistico e l’ospitalità della Parrocchia di San Bartolomeo Apostolo in Ceturano di Caserta.

“Coralità sacra del 1600 a Napoli e Dresden”  

domenica 22 gennaio 2023, ore 19.15

Caserta, chiesa antica di San Bartolomeo in Centurano 

ingresso gratuito 

[massimo 50 spettatori] 

Ad eseguire saranno

Elena Polito, Laura Di Giugno soprano

Annamaria Natale contralto 

Marino Dell’Erba tenore
Antonio Scorpio basso

Cappella Vocale e Strumentale “I Musici di Corte”

Il concerto è il 7° appuntamento del ciclo di concerti ed espolorazioni artistiche “… dove la musica incontra il suo tempo …”, 21ma edizione. Ideato e organizzato da Associazione Culturale “Ave Gratia Plena” e Associazione Culturale “Francesco Durante”.