Prima l’annuncio (con tanto di giubilo della politica), adesso i dettagli. L’allegato infrastrutture, mobilità e logistica al Documento di economia e finanza (Def) 2022 prevede investimenti importanti in Calabria. Tra le nuove opere prioritarie figurano la tratta ferroviaria ad Alta velocità Salerno-Reggio Calabria, che oltre ai primi fondi nazionali vede un finanziamento con il Pnrr e il Piano complementare e, sul fronte delle infrastrutture stradali, il miglioramento e il potenziamento della Statale 106 Jonica, da Reggio Calabria a Taranto (491 chilometri), per la quale si ritiene necessario un programma di interventi strutturali e di messa in sicurezza per un importo complessivo di 3 miliardi di euro.
Nell’allegato al Def si pone l’attenzione sulla necessità di concretizzare il piano di riqualificazione complessivo dell’arteria nel tratto calabrese, dal confine regionale a Reggio Calabria, con la programmazione e la realizzazione di interventi di potenziamento e di messa in sicurezza.

La tratta Sibari-Roseto

Il 19 maggio 2020 sono stati consegnati i lavori per l’adeguamento della tratta, per un importo di 1,335 miliardi; la fine dei lavori è prevista per agosto 2026. L’intervento prevede la realizzazione di un ulteriore tratto in variante della nuova Statale 106, per uno sviluppo complessivo di circa 38 km, con sezione stradale di categoria B. La Statale 106 attraversa nel tratto iniziale (dal km 0+000 al km 18+863) un territorio orograficamente regolare all’interno della Piana di Sibari, mentre il tratto successivo (dal km 18+863 al km 38+000 circa), data la morfologia del territorio, necessita di opere d’arte più impegnative.

Leggi l’articolo completo sull’edizione cartacea di Gazzetta del Sud – Calabria

© Riproduzione riservata