Le modifiche al Piano regionale dei rifiuti, già messe nero su bianco a marzo dalla Cittadella, ora sono approdate a Palazzo Campanella: il provvedimento di iniziativa della Giunta sarà giovedì al vaglio della Commissione Ambiente, con l’audizione del dg del dipartimento regionale e del dirigente dell’Uoa “Transizione ecologica, acqua e rifiuti”. Il che significa che ben presto il Piano stralcio dei rifiuti voluto dalla Giunta Occhiuto passerà all’esame del Consiglio regionale e, una volta che – com’è presumibile – sarà approvato, costituirà il nuovo riferimento legislativo per la gestione dei rifiuti calabresi.
Viene ampiamente confermata l’impostazione del Piano in vigore, approvato nell’era Oliverio (2016) ma rimasto in larga parte sulla carta perché gli impianti previsti non sono mai stati completati. L’ultima modifica a quel Piano è stata approvata in Consiglio regionale a dicembre del 2019. Non ci sono mai arrivate, invece, le linee guida licenziate a novembre del 2020 dalla Giunta Santelli su proposta dell’allora assessore Sergio de Caprio.

Leggi l’articolo completo sull’edizione cartacea di Gazzetta del Sud – Catanzaro

© Riproduzione riservata