La maggioranza di centrodestra tira – per il momento – dritto sulla proposta di legge che alleggerisce alcuni vincoli per i gestori delle slot machine. Il provvedimento è atteso, dopo il rinvio dell’ultima volta per mancanza del numero legale, lunedì prossimo in Consiglio regionale. E se i colonnelli della coalizione giurano che stavolta non ci saranno defezioni, la capogruppo della Lega, Simona Loizzo, si chiama fuori dalla contesa. «Non sarò presente – spiega – il 12 in Consiglio regionale perché impegnata in Parlamento ma chiedo ai miei colleghi di ritirare la proposta di legge sulle sale da gioco. Ho registrato gli interventi delle comunità dì recupero, dei medici, dei sacerdoti ché contrastano la ludopatia. La proposta di legge aveva altre intenzioni ed è vero che molte persone giocano online ma penso che l’intelligenza di un politico sia quella di recepire istanze e critiche del territorio».
Contrario al provvedimento è anche l’intero centrosinistra che questa mattina incontrerà i giornalisti a Lamezia Terme per illustrare in conferenza stampa i motivi del “no” a una proposta di legge sta creando non poche polemiche.

Leggi l’articolo completo sull’edizione cartacea di Gazzetta del Sud – Calabria

© Riproduzione riservata