A volta basta un semplice rimbalzo per cambiare il destino di una stagione. Fatale per l’Amantea, provvidenziale per la Gioiese. Il rimbalzo galeotto che ha spezzato l’equilibrio dello spareggio promozione del “Luigi Razza” arriva al 7’ del primo tempo supplementare e Fabrizio Maio lo ricorderà per sempre. Una facile parata dopo un innocuo colpo di testa del difensore della Gioiese Stillitano si trasforma infatti in una clamorosa papera. Tutta colpa di quella palla che cambia improvvisamente traiettoria dopo essere rimbalzata su una fetta di terra, nei pressi della linea di porta, laddove non c’è erba. Il portiere dell’Amantea non può saperlo e quando scopre l’inganno la frittata è fatta. La palla oltrepassa la linea e finisce in rete.

E’ l’episodio chiave che spedisce la Gioiese in Eccellenza e condanna l’Amantea a un altro anno di Promozione (salvo eventuale ripescaggio). Partita poi chiusa dal raddoppio sul finire dei tempi supplmentari di Stefanazzi. Esultano e fanno festa i quasi duemila tifosi viola arrivati a Vibo per assistere da protagonisti a una giornata storica.

© Riproduzione riservata