L’università della Calabria approda nel centro storico bruzio. Con una iniziativa che coinvolge docenti dell’ateneo e associazioni operanti nel capoluogo bruzio. L’iniziativa è originale e interessante: si tratta di una summer school che per tre giorni affronterà il tema dei “futuri urbani e delle azioni politiche da intraprendere per la transizione delle città”. Nel borgo antico – tanto caro al filosofo Bernardino Telesio – sociologi, politologi, filosofi, urbanisti, economisti, giuristi terranno lezioni dedicate all’analisi degli aspetti sociali, economici e ambientali della politica e dell’ecologia urbana partendo dalle sfide esistenti, ma anche puntando all’identificazione di nuove possibilità di cooperazione e alla costruzione di nuove reti e conoscenze. In questa prospettiva, il corso propone un approccio multi-metodologico: alle lezioni della mattina, di taglio più teorico, seguiranno dibattiti e laboratori pomeridiani destinati a favorire l’interazione con le realtà associative che operano stabilmente a Cosenza.
Ma approfondiamo. Sono in particolare previsti tre Laboratori: Verde urbano e beni comuni; La co-produzione di welfare fra giustizia sociale e ambientale; La comunicazione del territorio. A partecipare saranno circa 70 studenti e studentesse provenienti da diverse città della Penisola.
Alla conferenza stampa di presentazione, tenutasi negli spazi del suggestivo Chiostro di San Domenico, sono intervenuti diversi docenti dell’UniCal e rappresentanti delle associazioni.

Leggi l’articolo completo sull’edizione cartacea di Gazzetta del Sud – Calabria

© Riproduzione riservata