Tra i comuni lucani che hanno ottenuto dal Centro per il libro e la lettura e dall’Anci la qualifica di Città che legge rientra, per la prima volta, anche Venosa. Tra le motivazioni del riconoscimento l’impegno dell’Amministrazione Comunale, nel promuovere la lettura. E non solo favorendo l’accesso, e quindi la fruizione, alle strutture nelle quali praticare tale attività, ma pure sostenendo e avviando iniziative specifiche.

“In tal senso -sottolinea l’Amministrazione guidata dalla sindaca Marianna Iovanni-assume particolare rilevanza sia la stipula del Patto locale per la lettura tra il Comune di Venosa e gli attori sociali e istituzionali del luogo sia il patrocinio alle iniziative dei volontari venosini del programma Nati per leggere. In entrambi i casi l’obiettivo primario è quello di avvicinare le persone, anche in età prescolare, alla lettura sì da migliorare, tout court, la qualità della vita dei singoli cittadini e, quindi, della collettività”.

Con la qualifica di Città che legge, valevole per il biennio 2022/23, l’Amministrazione Comunale di Venosa potrà accedere a contributi economici, premi o incentivi qualora eventuali progetti da essa stessa redatti e presentati al Centro per il libro e la lettura dovessero essere giudicati meritevoli.