Potenza sarà tra le città che aderiscono alla Giornata di mobilitazione nazionale in favore della pace il 23 luglio. L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia-spiega il Comitato per la pace di Potenza in una nota-ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha già fatto decine di migliaia di vittime, avviandosi a diventare un conflitto di lunga durata dalle conseguenze drammatiche per la vita delle popolazioni coinvolte, ma anche per l’accesso al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia europea e quella globale.

Questa guerra-si legge ancora va fermata subito, cercando una soluzione negoziale e politica: una strada che ad oggi nessuno (Stati/Istituzioni sovranazionali) mostra di voler perseguire. Occorre invece che il nostro Paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il negoziato e avviino il percorso per una Conferenza Internazionale di Pace che, basandosi sul concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la Pace anche per il futuro. Bisogna fermare subito l’escalation militare. L’invio di armi allontana la Pace e accresce unicamente le sofferenze inflitte alle popolazioni civili. Non c’è alcuna guerra da vincere, noi vogliamo vincere la Pace facendo tacere le armi e portando al tavolo negoziale i Governi russo e ucraino, assistiti dalle Istituzioni Internazionali.

Il popolo italiano è contrario al coinvolgimento in guerra del nostro Paese nonostante il bombardamento mediatico bellicista cui è incessantemente sottoposto da 150 giorni. Per dare forza a questo orientamento ed imporre al Governo un deciso cambio di rotta promuoviamo la Giornata di mobilitazione nazionale del 23 luglio e Potenza sarà tra le città che aderiscono. Appuntamento alle ore 18.00 al Parco Dell’Europa Unita – Poggio Tre Galli”.