Si è tenuto stamattina l’incontro tecnico per discutere della strategia da mettere in campo a tutela degli 85 lavoratori a rischio a seguito della comunicazione di esubero da parte di International T.S (logistica indotto Melfi) dopo la partita della commessa di Multilong con Stellantis. La proprietà ha comunicato che, a partite dal periodo già programmato di ferie fino al 28 agosto, ci saranno altre 5 settimane di Fis ordinarie.

Filt Cgil e Fit Cisl auspicano che ci siano  i presupposti per la presentazione di un piano industriale che consentirebbe di traghettare per altri 24 mesi gli ammortizzatori sociali o, in casso contrario, di attivare 12 mesi di ammortizzatori per crisi aziendale.

Mentre per Confsal e Fismic “le strade percorribili della International Trading sono due: utilizzare 12 mesi di ammortizzatori sociali per crisi aziendale o 24 mesi di ammortizzatori sociali per riconversione, previa autorizzazione delle istituzioni e con la presentazione di un piano industriale”.

L’incontro ha evidenziato le criticità del momento, vista l’annunciata dichiarazione del gruppo Stellantis di riduzione del settore logistico di un terzo delle attività, per la salvaguardia dell’occupazione dei lavoratori del sito, decisione a cui la Confsal e la Fismic Confsal non vogliono sottostare, bensì occorre trovare una soluzione pratica e repentina per salvaguardare i livelli occupazionali. Precisiamo che Stellantis ha ipotizzato circa 200 esuberi, ma il rischio è che il numero sia anche superiore, e noi non possiamo accettare la perdita del posto di lavoro per anche solo un lavoratore. La nostra Confederazione continuerà a lavorare per tutelare i diritti occupazionali e salariali di tutti i lavoratori, proseguendo con ulteriori incontri. Il Tavolo si aggiornerà in data 29 agosto, tempo necessario per valutare le opzioni più consone”.