Il segretario cittadino della Lega di Potenza, risponde al segretario generale della Cgil Basilicata sulla questione gas gratuito ai lucani. Di seguito il comunicato stampa.

“Troviamo profondamente giusto dare la componente gas gratuita a tutti i lucani e non solo a quelli che hanno una fascia di reddito bassa. La Basilicata è di tutti i residenti, pertanto mi dispiace leggere parole puramente propagandistiche da parte del segretario Summa della Cgil che chiede la componente gas regolamentata dalle soglie di reddito. (Qui le dichiarazioni del segretario della Cgil)

Non a caso, giorni addietro, la segreteria cittadina della Lega di Potenza, chiedeva uno sforzo ulteriore al governatore Bardi affinché tutti potessero usufruire di tale agevolazione, cercando di trovare un format per tutte quelle persone che sono prive di metanizzazione e proprio su quest’argomento, quest’ultimo si è espresso garantendo equità per tutti, stabilendo dei criteri. Per coloro che non hanno la possibilità di accedere alla rete di metanizzazione infatti, sono state previste due misure.

 La prima, già approvata nel 2021, prevede 4,5 milioni di euro per un bando gestito da Sel in favore dei Comuni lucani che non hanno ancora accesso alla rete o che vogliono portare le proprie infrastrutture in più aree. La dotazione di 4,5 milioni potrà essere implementata a carico della Regione per coprire le esigenze di tutti i Comuni.

Parallelamente si darà ai lucani che non potranno accedere alla rete metano un beneficio tangibile e duraturo nel tempo: queste famiglie avranno una quota di energie rinnovabili di valore pari alla componente gas gratuita in bolletta, il tutto a carico della Regione Basilicata

Chiedo quindi, al segretario, di tornare a fare sindacato… e di cogliere l’occasione della componente gas gratis per sponsorizzare la propria regione per far sì che aziende nazionali possano trarre beneficio e possano insediarsi nel nostro territorio creando occupazione. Se in Italia le fasce di reddito basse sono gli operai consiglierei al Segretario di tornare a lottare per i lavoratori, provando a firmare accordi di aumenti salariali, invece di fare politica di parte. Alfonso Nardella, segretario cittadino Lega Potenza