La Conferenza episcopale della Basilicata ha inviato una lettera – a firma del suo presidente mons. Ligorio – al Presidente della Regione Vito Bardi chiedendo di “valutare la possibilità, sulla base di un esame preciso ed oggettivo – di estendere il bonus-gas anche agli enti ecclesiastici e ai luoghi di culto”. E questo -spiega monsignor Ligorio-per alleggerire il peso economico che la crisi energetica ha accentuato ancor più sulla gestione quotidiana di realtà che non vivono per sé ,ma operano soprattutto per il servizio anche sociale che offrono alle comunità”.

Sostenere queste realtà sparse sul territorio, che non hanno interessi commerciali aziendali o economici, significa sostenere, sia pure indirettamente, anche le famiglie più povere e disagiate della nostra regione, molte delle quali, come il rapporto Caritas presentato a dicembre ha confermato, si rivolgono proprio alle strutture religiose per avere , in modo discreto ed anonimo, sostegno perfino nel pagamento delle utenze cui non riescono a far fronte, trascinate dalla crisi economica e pandemica in una povertà assolutamente fino a qualche anno non prevedibile-conclude il vescovo di Potenza.