Oggi la priorità è contrastare l’aumento dei prezzi che è una vera e propria tassa aggiuntiva sui redditi da lavoro e sulle pensioni per difendere il potere di acquisto e mettere in sicurezza la crescita. Non agire aspettando che passi la buriana sarebbe irresponsabile”. Lo ha detto il segretario generale della Cisl Basilicata Vincenzo Cavallo a margine della riunione del Comitato esecutivo della Cisl oggi a Potenza.

Cavallo è tornato a sollecitare anche l’apertura del confronto con la Giunta regionale rilanciando la proposta di un patto sociale per la crescita e il lavoro: “È urgente mettersi al tavolo con le parti sociali per definire le linee strategiche di un progetto di sviluppo serio per la Basilicata. Lo stillicidio di polemiche interne alla maggioranza – ha aggiunto il segretario della Cisl – ci preoccupa perché denuncia lo scollamento tra ceto politico e società civile, come dimostra il calo dell’affluenza alle urne. Non sono i cittadini che si stanno allontanando dalla politica – ha precisato Cavallo – ma la politica che è sempre più distante dai cittadini.

Il patto sociale serve a ricucire questo strappo e a ricentrare l’azione del governo regionale sulle reali esigenze della società lucana. Su petrolio, automotive, PNRR, hydrogen valley ci aspettiamo una convocazione dal presidente Bardi in tempi stretti. I singoli tavoli, pur importanti, non sono sufficienti per avere quella visione d’insieme che serve a porre le basi del futuro della nostra regione”, ha concluso il segretario della Cisl.