“Saper programmare e prevenire gli eventi è compito di chi amministra, il 5 settembre scorso, abbiamo segnalato sui media locali le difficoltà e i danni che avrebbe potuto causare agli operatori turistici ed ai turisti l’interruzione della Sellata-Marsico Nuovo per dei lavori di rifacimento di un ponte, a circa cento metri a ridosso della zona turistica. Infatti i tanti turisti che domenica 22 si sono recati presso gli impianti sciistici dopo che la tanto attesa neve è arrivata, hanno trovato una situazione di confusione totale, disorganizzazione allo stato puro, parcheggi a 1/2 km dalle piste. Dopo lunghe file la beffa: non si trovavano né scarponi né sci”. Ad affermarlo è il gruppo consiliare Amiamo Abriola in una nota.

“Ancora una volta, aggiunge il gruppo consigliare, l’amministrazione si fa trovare impreparata, a conferma di una politica fatta solo di annunci sul turismo e lo sviluppo territoriale fatto di tante chiacchiere e zero fatti”.

“Il sindaco, ricordano i componenti della minoranza, si era affrettato a dichiarare sulla stampa che avrebbe realizzato una bretella per bypassare i lavori. Soluzione che ci apparve totalmente irrealizzabile e così è stato”.

“L’amministratore guidata da Romano Triunfo, concludono i consiglieri di minoranza, conferma la totale imperizia nella gestione dei bisogni della comunità, anche su un tema come quello degli attrattori turistici di cui tanto si riempie la bocca il primo cittadino! Ancora una volta un bel 4 in pagella, nonostante le tante somme destinate per lo smaltimento neve come nel caso della determina del responsabile dell’Area Tecnica n 260 del 31/12/2022 che senza allegare una proposta dell’operatore economico si è convenzionato per la rimozione della neve al costo di 65 euro all’ora più I.V.A. senza definire con quali mezzi verrà effettuato il servizio. Inoltre chiediamo al Sindaco se corrisponde al vero che il comune ha con una determina di circa un anno fa ha sottoscritto una convenzione simile a questa per la durata di tre anni, per il costo di circa  130mila euro ad un altro ulteriore operatore”.