AVEZZANO. Strade chiuse in centro, da sabato sera, per l’isola pedonale estiva. Il dirigente comunale Tiziano Zitella ha firmato l’ordinanza con la quale si andrà a regolamentare il traffico fino a domenica 18 settembre. A differenza del passato, gli orari sono stati leggermente ritoccati, in accordo con gli uffici e con le associazioni di categoria, anche alla luce di quanto registrato negli anni precedenti. Le strade principali del centro saranno chiuse dal lunedì al sabato a partire dalle 20.30 e fino a mezzanotte, mentre la domenica e nei giorni di festa dalle 17 all’una. Lo scorso anno, invece, durante la settimana rimanevano chiuse fino all’una e la domenica e nei festivi a partire dalle 16. A essere interessate dalla chiusura per l’isola pedonale estiva saranno come sempre le strade limitrofe a piazza Risorgimento: via Cataldi (da via Amendola, esclusa via Corradini), via Vittorio Veneto (da via Amendola a via Corradini compresa), via Corradini (da via Monte Grappa a Corso della Libertà e da via Trieste all’incrocio con via Trento escluso), via Garibaldi (da via Valeri esclusa a via Monte San Michele esclusa), via Emilia (da via Vittorio Veneto a via Garibaldi), via Bagnoli (da via Vittorio Veneto a via Monte Grappa esclusa), Corso della Libertà (da via Corradini a via Bagnoli esclusa), via Trieste (da via Diaz a via Corradini), via Marconi (da via Corradini fino all’uscita parcheggio pubblico ex Inail) e via Fontana (dall’ingresso parcheggio ex Inail a via Marconi). Non dovranno rispettare gli orari di chiusura delle strade, previo rilascio di apposita autorizzazione, i mezzi in servizio di polizia e di pubblico soccorso, anche se non in servizio di emergenza; le auto o i veicoli, anche privati, che stanno lavorando per conto del Comune di Avezzano per manifestazioni di piazza; i mezzi degli operatori commerciali che hanno già una concessione di occupazione di suolo pubblico all’interno dell’area pedonale e tutti quelli che dispongono di un permesso rilasciato dalla polizia locale. (e.b.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA.