MANOPPELLO. Con l’esposizione della reliquia, oggi in basilica, entrano nel vivo i festeggiamenti in onore del Volto Santo di Manoppello, che proseguiranno fino a domenica.
Ieri le celebrazioni sono iniziate con lì inaugurazione della prima mostra di Arte sacra e paesaggi d’Abruzzo, nella sala congressi della Casa del Pellegrino. E domani alle 11 sarà celebrata la messa solenne presieduta da monsignor Antonio D’Angelo, vescovo ausiliare dell’arcidiocesi dell’Aquila.
La festa del Volto Santo è anche un’occasione per ripercorrere la storia, lunga quattro secoli, della presenza dei frati Cappuccini a Manoppello, che nel 1620 completarono i lavori di edificazione del convento e presero dimora in città. Pochi anni dopo venne affidata loro la preziosa reliquia del Sacro Velo di Gesù che custodiscono, da allora, con cura e devozione.
L’esposizione del Volto Santo, dedicata alla preghiera personale seguita dalla Colazione Cappuccina, è stata preceduta dalla novena di preparazione, iniziata il 27 luglio scorso, che ha coinvolto 150 bambini del posto. Alla mostra di arte sacra, inaugurata ieri, hanno partecipato 30 artisti che hanno raffigurato a loro modo il Sacro Velo. L’esposizione, a cura dell’associazione Arabona Aps, presieduta da Frank William Marinelli, è visitabile fino a domenica nella Casa del Pellegrino. Al taglio del nastro sono intervenuti il rettore della basilica, padre Antonio Gentili; il presidente del Parco Maiella, Lucio Zazzara; il sindaco e l’assessore del Comune di Manoppello, Giorgio De Luca e Giulia De Lellis e il presidente di Arabona Aps, Marinelli, con il curatore Giampaolo Di Mattia. Domani alle 19, dopo la messa presieduta dal ministro provinciale dei Cappuccini, Matteo Siro, seguiranno la solenne processione con la reliquia del Volto Santo e la benedizione alla città. La festa prosegue con il programma civile, oggi, domani e domenica, vicino al santuario, con il concerto di Punto Radio Com, cover band di Vasco Rossi e l’esibizione dell’orchestra Matteo Tarantino e il concerto dell’orchestra “Li straccapiazz”. L’invito di padre Gentili è a «partecipare all’evento con gioia e nella preghiera». Il sindaco De Luca sottolinea l’orgoglio della «secolare presenza dei frati cappuccini a Manoppello». (c.co.)