CHIETI. “Il diritto violato: vis grata puellae?”. È il titolo del convegno, che prende in prestito un detto latino dell’“Ars amatoria” di Ovidio, in programma oggi alle 16.30 al teatro Marrucino. L’iniziativa, per prevenire e contrastare la violenza di genere, è organizzata dal Comitato pari opportunità dell’Ordine degli avvocati di Chieti, guidato dalla presidente Monia Scalera. Un appuntamento che comprende gli interventi del sostituto procuratore Marika Ponziani su “Violenza sulle donne: aspetti giuridici e tutela giudiziaria” e del sociologo Fabrizio Fornari, ordinario all’università d’Annunzio, su “Chi ha paura di Cassandra”. A seguire anche uno spettacolo teatrale, “I fiori avranno tempo per me”, portato in scena dalla compagnia Teatro del Krak con Alberta Cipriani e regia di Antonio Tucci. Lo spettacolo è un monologo teatrale sulla storia vissuta da una donna vittima di violenza di genere: la vicenda scelta è esemplificativa di come nasce e si perpetua la violenza fondata sul genere e di come può, seppur parzialmente, risolversi costituendo, così, una narrazione utile sia in termini di sensibilizzazione del territorio sul tema e sia in termini di prevenzione, specie sulle giovani generazioni.
L’iniziativa di oggi è organizzata in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, in calendario ogni 25 novembre. Un confronto tra esperti per «fornire conoscenze sulla violenza di genere e sulle sue caratteristiche; mettere a fuoco gli stereotipi più comuni alla base delle varie forme di violenza di genere; creare una consapevolezza sui comportamenti e gli atteggiamenti violenti che definiscono una “cultura della sopraffazione”; promuovere una cultura della prevenzione per una sana relazione di genere, soprattutto nelle scuole».
Dal palco del teatro simbolo della città, sono previsti gli interventi del sindaco Diego Ferrara, del prefetto Armando Forgione, del presidente del tribunale Guido Campli, del presidente dell’Ordine degli avvocati di Chieti Goffredo Tatozzi, di Maria Franca D’Agostino, presidente Commissione pari opportunità della Regione Abruzzo, e di Laura Di Paolo, responsabile del Centro antiviolenza Non sei sola di Ortona.