TERAMO. “Meno progetti più fatti – Dignità per via Longo”: lo striscione, accompagnato dal simbolo della falce e del martello, è stato esposto ieri su uno dei balconi delle case comunali di via Longo dagli esponenti delle Casa del popolo, che hanno raccolto l’appello di una residente nel degradato quartiere all’ingresso della città. La Casa del popolo ha voluto ricordare la difficile situazione di chi è rimasto a vivere in palazzine degradate e circondate da un terribile degrado «con la speranza di poter fare da megafono e la certezza che la destinataria di questa richiesta, l’amministrazione comunale, non rimarrà ancora immobile di fronte a una segnalazione così sentita».