ALBA ADRIATICA. Possono finalmente partire i lavori di demolizione e ricostruzione del ponte di via Ascolana – al confine tra i territori di Alba Adriatica e Corropoli – dichiarato inagibile nel 2020. Nei giorni scorsi, infatti, il Genio civile di Teramo ha affidato i lavori, che avranno complessivamente un costo di 828mila euro, a una ditta di Penna Sant’Andrea che ha vinto l’asta contro altre sette aziende offrendo un ribasso del 20%.
A darne notizia è stato il sottosegretario della Regione Abruzzo Umberto D’Annuntiis, secondo cui il nuovo ponte sarà realizzato interamente in acciaio. «La Regione ha raccolto l’appello dei Comuni di Alba Adriatica e Corropoli, che avevano manifestato l’impossibilità ad intervenire per mancanza delle necessarie risorse finanziarie e ha stanziato la somma di un milione di euro, dimostrando così la vicinanza ai cittadini e al territorio», ha commentato D’Annuntiis, ringraziando i tecnici del Genio civile e continuando: «La Regione ha posto il ponte di via Ascolana tra le sue priorità e raccoglie i frutti del lavoro svolto passando attraverso il reperimento delle risorse, la progettazione e l’acquisizione dei pareri degli enti sovracomunali. Ora è indispensabile velocizzare la realizzazione dell’opera, affinché venga ripristinata una viabilità di fondamentale importanza per i cittadini, le attività e le aziende del territorio».