ATESSA. Nuova caserma dei carabinieri:la giunta comunale guidata dal sindaco Giulio Borrelli ha approvato il “Documento di fattibilità delle alternative progettuali” redatto dallo studio di ingegneria Logo architettura srl di Roma. Per la realizzazione dell’opera è prevista una spesa complessiva di 7.500.000. Il sito individuato per la realizzazione del comando compagnia dei carabinieri di Atessa è localizzato nella porzione nord-ovest del territorio comunale, a circa 100 metri dall’attuale caserma, e affacciato sulla vallata che guarda verso ovest il centro storico cittadino e la Maiella. L’area, di dimensioni di 3.860 metri quadri, ha una pendenza del 40% (la quota a monte è di 414,5 metri e quella a valle di 393, per un dislivello complessivo di circa 22 metri). L’area ricade in “Zona VS – Verde pubblico attrezzato per il gioco o lo sport” e, pertanto, ai fini della realizzazione della nuova caserma, si renderà necessaria l’approvazione del progetto in variante al piano regolatore generale.
L’attuale comando compagnia, denominato “Caserma Giuseppe Cicchini” si trova in via Giacomo Matteotti. L’edificio, come si legge nella relazione progettuale, «versa oggi in condizioni di obsolescenza e non appare idoneo alle esigenze espresse dal comando che accoglie peraltro, nella medesima sede, il ripiegamento della stazione carabinieri forestali. L’amministrazione comunale, ritenendo indifferibile un intervento volto a dotare l’Arma di una sede adeguata agli standard normativi e al mutato quadro esigenziale, ha avviato un percorso finalizzato alla demolizione dell’attuale edificio della compagnia e alla realizzazione della nuova caserma dei carabinieri in un’area situata nelle immediate adiacenze».
Il progetto prevede la realizzazione di sei alloggi di servizio di 110 metri quadri ciascuno (esclusi cantina e garage), 1.386 di zona servizi (autorimessa, locali tecnici e altri), 250 per la stazione, 116 per il nucleo operativo, 212 per la compagnia e 79 per la stazione carabinieri forestali. Nell’area si prevede la realizzazione di due distinti corpi di fabbrica, uno destinato alle funzioni operative, logistiche e di servizio, situato lungo la viabilità a monte, e l’altro, con funzione residenziale, localizzato nella porzione ovest del declivio, a valle.
©RIPRODUZIONE RISERVATA