AVEZZANO. Una linea ferroviaria tra Roma e L’Aquila attraverso la Marsica. È questo il progetto, atteso entro l’estate prossima, che fa storcere il naso ai sindaci marsicani. Gli amministratori del territorio hanno accolto con freddezza l’annuncio diramato dal governatore Marco Marsilio e dal sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi. L’ultimo incontro del gruppo di lavoro istituito per il progetto con i vertici di Regione e Rfi ha partorito la volontà di redigere il documento di fattibilità entro l’estate, chiudendo la prima fase dell’iter. La nuova linea ferroviaria collegherebbe la capitale al capoluogo abruzzese attraverso Tagliacozzo. La città dell’Aquila, così, andrebbe a “legarsi” alla linea Roma-Pescara, tratta per la quale sono già stati avviati i primi lavori di velocizzazione per un maxi investimento da 6,5 miliardi. Alcuni interventi rientrano nel Piano nazionale di ripresa e resilienza e dovranno essere completati entro il 2026.
Lo studio di fattibilità della L’Aquila-Tagliacozzo è stato inserito nel Documento strategico della mobilità ferroviaria (Dsmf), insieme a un altro studio su un progetto che riguarda il collegamento ferroviario veloce tra Roma e i capoluoghi del cratere, vale a dire Rieti e L’Aquila.
I dettagli del progetto verranno svelati non appena sarà pronto il documento di fattibilità. Si tratterebbe di una linea lunga più di 30 chilometri che permetterebbe all’Aquila di allacciarsi al traffico sulla ferrovia che collega la dorsale tirrenica a quella adriatica. (l.p.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA .