L’AQUILA. A partire da domenica, e per l’intera stagione turistica, sono in vigore nuovi orari e nuove fermate sulla linea ferroviaria L’Aquila-Sulmona nella rigogliosa Valle dell’Aterno costellata da suggestivi borghi medievali. Trenitalia Direzione Regionale Abruzzo ha dato così concretezza alla prospettiva di un turismo consapevole e rispettoso dell’ambiente da qualche anno proposto, in vari percorsi formativi, da insegnanti e allievi dell’Istituto “Amedeo d’Aosta” a indirizzo turistico, in collaborazione con l’Archivio di Stato e Italia Nostra LìAquila. Nei week-end i nuovi orari e le nuove fermate nelle stazioni di Fagnano, Beffi-Santa Maria del Ponte e Fontecchio agevoleranno quel turismo lento ed esperienziale in costante crescita soprattutto tra i turisti stranieri. Grazie all’impegno delle docenti Francesca Saveria Donati e Filomena Persi del d’Aosta, guidato dalla dirigente Maria Chiara Marola, l’attività di valorizzazione in chiave turistica della tratta ferroviaria L’Aquila-Sulmona ha avuto vari momenti. È iniziata infatti nell’anno scolastico 2017-2018 col progetto “Il treno delle meraviglie” in collaborazione con l’Archivio di Stato e il Dopolavoro Ferroviario Sulmona-L’Aquila, grazie anche al supporto della Direzione Regionale di Trenitalia, che ha previsto un evento aperto alla cittadinanza con visita al borgo di Raiano e all’eremo di San Venanzio. Nel 2018-2019 l’impegno è proseguito col progetto “Il treno dell’acqua” in collaborazione sia con Italia Nostra sia col Dopolavoro Ferroviario, che ha sostenuto la spesa della fermata straordinaria a Fontecchio. Infine il progetto “Trekking tra cultura e natura nella Media Valle dell’Aterno”, con la proposta di giungere in treno per poi intraprendere un percorso ciclopedonale, è stato nel 2020-2021 interamente realizzato in collaborazione con Italia Nostra.