SULMONA. Dopo il no della Provincia dell’Aquila, arriva anche quello del Comune di Sulmona. Nel corso del consiglio comunale che si è tenuto ieri pomeriggio a Palazzo San Francesco, caratterizzato da tre importanti ordini del giorno, tutti fatti propri dalla giunta comunale e dal sindaco, in primis quello presentato dal consigliere Maurizio Proietti sulla centrale turbogas della Metaenergia in fase di ultimazione nella zona industriale, a ridosso di importanti insediamenti commerciali. In particolare, il consiglio comunale ha deciso di indire un’assemblea pubblica, alla quale saranno invitati anche i responsabili della Metaenergia, ditta che sta realizzando l’impianto, per chiarire l’effettivo impatto che la centrale turbogas può avere sulla qualità dell’aria della conca peligna e, quindi, sulla salute dei residenti. «Qualsiasi sostanza combusta produce danni alla salute» ha spiegato Proietti nel suo intervento. Unico ad astenersi è stato il consigliere di minoranza Luigi Santilli, il quale ha precisato che vuole «approfondire meglio la situazione prima di esprimere il suo consenso».
MAFIA E CRIMINALITÀ
Altro punto all’ordine del giorno quello presentato da tredici consiglieri, prima firmataria la capogruppo Pd, Teresa Nannarone, ordine del giorno che mira ad attuare «iniziative di prevenzione di infiltrazioni della criminalità organizzata nel nostro territorio». Nannarone ha ricordato due dati. Nel carcere di Sulmona la maggiore percentuale di detenuti proviene dalla criminalità organizzata e la provincia dell’Aquila fa rilevare il maggior numero di dipendenze dal gioco d’azzardo, altro campo sul quale fanno leva le organizzazioni criminali. Tra gli impegni presi dal consiglio comunale, figura anche quello rendere noto in un apposito elenco visitabile attraverso un link posto sulla prima pagina del portale dell’Ente, Consorzio o Società a partecipazione pubblica l’elenco di tutti i fornitori con cui vengono stipulati contratti e consulenze comprendente visura camerale storica della società o impresa individuale e l’elenco dei professionisti di cui ci si avvale; gli atti vendita e di affitto di immobili di proprietà dei predetti Enti, nonché gli atti di acquisto da parte degli stessi; i nominativi delle società che dichiarano di avere la sede legale e/o operativa nel territorio continuamente aggiornati; i nominativi dei soggetti che acquistano o affittano beni che insistono nel nucleo industriale o in quello artigianale, anche attraverso il sistema delle aste giudiziarie. Il monitoraggio del territorio dovrà essere fatto anche dalla polizia municipale. Nannarone ha inoltre proposto di intitolare ai magistrati Falcone e Borsellino una strada o una piazza cittadina.
PIANO ACUSTICO
Approvato, dopo 15 anni, il piano acustico che andrà a regolare i decibel all’interno della città che è stata suddivisa in sei zone.
DEBITI FUORI BILANCIO
Quello più consistente di 400mila euro riguarda la vertenza con la società Manhattan che ha imputato al Comune la perdita di un finanziamento importante. Altri debiti sono quelli maturati per sentenze del giudice di pace che ha annullato multe elevate a cittadini riguardo le prescrizioni di area pedonale e Ztl, per un totale di 2.500 euro e il risarcimento per i danni subiti da un’auto su una strada cittadina dissestata, per 3300 euro. Infine, sono stati approvati anche i verbali del consiglio dello scorso 3 marzo, l’attribuzione della delega come assessore alle Pari opportunità di Katia Di Marzio e la modifica dei gruppi e delle commissioni consiliari conseguente al passaggio di Salvatore Zavarella a Fratelli d’Italia.
©RIPRODUZIONE RISERVATA