TERAMO. Tante, troppe auto circolano in città senza assicurazione o con la revisione scaduta. A lanciare l’allarme è la polizia locale che, nel corso dei controlli sul territorio nell’ultimo periodo, ha registrato un netto incremento di questo tipo di violazioni. Sono 40 i sequestri amministrativi di autoveicoli, finalizzati alla confisca, effettuati negli ultimi sei mesi dagli agenti a seguito di controlli in cui è stata accertata l’assenza della necessaria copertura assicurativa per la responsabilità civile verso terzi.
Oltre al sequestro, per i proprietari dei veicoli in questione sono scattate anche le relative multe, per un totale di circa 35mila euro di sanzioni elevate. Gli accertamenti, portati avanti nell’ambito dell’operazione “Strade sicure”, rientrano in una più ampia attività di controllo del territorio, che vede anche l’utilizzo «di un avanzato sistema di videosorveglianza» in dotazione al comando di piazzale San Francesco che coordina le operazioni.
Il sistema, infatti, consente anche di verificare in movimento la copertura assicurativa delle auto, permettendo di fermare immediatamente gli autoveicoli che ne sono sprovvisti e procedere al sequestro. Solo così è infatti possibile intervenire immediatamente e contestare la violazione al conducente che altrimenti la farebbe franca. «Particolare attenzione», evidenzia il comando della polizia locale, «è stata rivolta anche ai veicoli lasciati in sosta prolungata sulla strada, che sottraggono spazi alla fruibilità pubblica del suolo. L’attività di controllo riveste notevole importanza sia ai fini della sicurezza stradale, sia per limitare fenomeni di degrado». Si tratta, in sostanza, di accertamenti che riguardano anche mezzi di fatto abbandonati in parcheggi dove vengono notati da residenti della zona i quali si rivolgono agli agenti per le verifiche del caso. «Ulteriori elementi vengono raccolti anche tramite le telecamere ai varchi delle zone a traffico limitato», aggiunge l’assessore alla mobilità Maurizio Verna, «e rivelano che circa il 16 per cento dei mezzi in circolazione non risulta in regola. Questo è un vero problema di sicurezza in città, non certe polemiche che lanciano allarmi inesistenti». (g.d.m.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA.