LANCIANO. Una Jeep Renegade 4×4 e un trattore per lo sfalcio dell’erba e trasporto di materiali hanno rimpolpato il parco macchine del Comune. I mezzi sono stati presentati ieri mattina in piazza Plebiscito, alla presenza del sindaco, Filippo Paolini, del tenente Nicola Di Renzo e diversi agenti del corpo di polizia municipale, gli assessori Tonia Paolucci (transizione ecologica) e Paolo Bomba (lavori pubblici) e consiglieri e rappresentanti dell’amministrazione. «Per operare al meglio sul territorio è necessario avere i mezzi adeguati», ha rimarcato il primo cittadino, «da 11 anni la polizia municipale attendeva nuovi veicoli e finalmente uno di questi è pronto per essere da subito operativo. Tra l’altro è la prima volta che la polizia municipale ha a disposizione un’auto 4×4 e a settembre arriverà anche una Subaru».
La Jeep, allestita con i colori e gli accessori della polizia locale, è un modello 2.0 Multijet 140 cavalli; è usata, ma conta meno di 10.000 km. È stata acquistata per una spesa di 30.700 euro. Il trattore sarà invece utilizzato per il settore dei lavori pubblici ed è un modello New Hollande T3F-3, con attacco a tre punti con agganci rapidi, tre distributori idraulici posteriori e porta zavorre anteriori. L’affidamento, del costo complessivo di 48.739 euro, comprende anche la cabina con riscaldamento ed aria condizionata, più il trinciatore universale a sbalzo che saranno montati in un secondo momento.
«Riceviamo segnalazioni quotidiane sulla necessità di sfalcio dell’erba», ha commentato Paolini, «e la manutenzione del verde è uno dei servizi più importanti per il decoro cittadino. Con questo mezzo possiamo arrivare a sfalciare l’erba anche in zone poco accessibili, come le scarpate, sebbene il settore dei lavori pubblici punterà ad esternalizzare una parte dei servizi».
E assieme ai nuovi mezzi sono più che mai necessari anche nuovi agenti, essendo la polizia municipale di Lanciano ai minimi storici sul fronte dell’organico. «Arriveranno 4 nuovi agenti entro la fine del 2022», ha annunciato Paolini, «e ce ne saranno tre per il 2023 e altrettanti per il 2024. È il massimo che ci consente la legge e il budget di spesa dedicato al servizio, ma, se possibile, cercheremo di ampliare ancora il numero degli agenti. Abbiamo necessità di fare controllo del territorio. E la polizia municipale risponde a numerosi compiti, non ultima la collaborazione richiesta per l’abbandono di rifiuti e delle deiezioni canine». (d.d.l.)
©RIPRODUZIONE RISERVATA.