COCULLO. Nasce il portale web per la promozione della rete dei musei delle tradizioni popolari. Cocullo, Scanno, Anversa, Villalago, Bugnara, Introdacqua e Collelongo hanno un unico comune denominatore: gli antichi riti che caratterizzano la loro storia. Proprio per questo Officine delle idee di Antonio Blandi, con la collaborazione di Domenico De Vincenti e la supervisione del Centro per i servizi di volontariato della provincia dell’Aquila, presieduto da Gino Milano, li ha uniti in un sito (www.appcultura.it) attraverso cui il turista potrà fruire di tutte le informazioni necessarie a organizzare la visita nei paesi e nei musei inseriti nel circuito, nonché interagire con le amministrazioni comunali al fine di migliorare i servizi in un processo partecipativo di innovazione sociale. «Il carattere culturale dell’iniziativa fonda le basi sul tema delle tradizioni popolari», precisa Sandro Chiocchio, sindaco di Cocullo, «che risulta essere identitario per tutti i centri interessati, dal rito di San Domenico Abate di Cocullo e Villalago a quelli legati alla figura di Sant’Antonio di Collelongo, alle tematiche dannunziane di Anversa, ai legami con il mondo dell’emigrazione di Introdacqua, alle tradizioni contadine e poetiche di Bugnara fino alla tradizione agropastorale del museo della lana di Scanno in cui il lavoro dei pastori, la fatica nei campi, la tessitura e la colorazione delle lane sono alcune tra le tappe di un percorso che permette ai visitatori di immergersi nella storia della Valle del Sagittario». Il progetto punterà alla valorizzazione della rete museale come elemento culturale di congiunzione di realtà immerse in un contesto territoriale ricco di bellezze storiche e naturalistiche che negli ultimi anni ha registrato una frequentazione crescente nei musei principali della rete anche in presenza della pandemia. La messa in rete del portale, che sarà a breve consultabile in multilingua e costantemente in aggiornamento affinché possa essere uno strumento sempre attuale in termini di contenuti e di profilo internazionale, rappresenta l’inizio di un percorso virtuoso attraverso cui promuovere la storia, la cultura e le bellezze del luogo e rafforzare la vocazione turistica dell’area. (e.b.)