L’AQUILA. Era l’alba del 5 aprile 2009 e la città dell’Aquila si preparava inconsapevolmente a vivere la sua ultima giornata di normalità. Una normalità che ancora oggi, tredici anni dopo, stenta a ritrovare. Il dolore e la distruzione che avrebbe subìto in una manciata di secondi, quella notte, ha segnato indelebilmente la città che oggi cerca di rinascere, senza dimenticare neanche un secondo le 309 vite portate via dalla furia del terremoto. È con questo obiettivo, che dopo due anni di stop dovuti al Covid, questa sera la tradizionale fiaccolata in memoria delle vittime del sisma tornerà a illuminare le vie del centro, lungo un percorso di 1.750 metri. Una fiaccolata diversa da quelle precedenti, in cui le mascherine sui volti ricorderanno un’altra tragedia, quella del Covid, e un braciere acceso nel Parco della Memoria da uno degli atleti della Nazionale ciclisti Ucraina, ospite in città a seguito dello scoppio della guerra, costruirà un ponte verso un altro teatro di dolore. Fitto il programma di iniziative per oggi e domani promosso dal Comune del capoluogo unitamente al Comitato dei familiari delle vittime del sisma.
FUOCHI DEL RICORDO
L’appuntamento più sentito è senz’altro quello con la fiaccolata di stasera: il ritrovo è fissato alle ore 21 nell’area antistante il tribunale, in via XX Settembre. Dopo la sosta davanti all’ex Casa dello Studente, l’arrivo è previsto al Parco della Memoria, di piazzale Paoli, dove verrà data lettura dei nomi delle 309 vittime e sarà acceso il “braciere della memoria” da uno degli atleti della Nazionale ciclisti Ucraina, ospite in città a seguito dello scoppio della guerra, insieme a un Vigile del Fuoco.
MASCHERINE E SICUREZZA
Durante la fiaccolata è previsto l’obbligo della mascherina al fine di prevenire la diffusione dei contagi da Covid 19. Lungo il percorso saranno dispiegati 80 volontari, 19 addetti antincendio con coperta antifiamma e megafoni, due veicoli antincendio equipaggiati con 400 litri d’acqua, estintori e sabbia, tre ambulanze, 16 addetti all’emergenza sanitaria a piedi con defibrillatore a seguito.
LA MESSA
Alle 24, nella chiesa di Santa Maria del Suffragio, in piazza Duomo, sarà celebrata una messa in suffragio delle vittime del sisma, officiata dall’Arcivescovo, cardinale Giuseppe Petrocchi, cui seguirà una veglia di preghiera a cura dell’Arcidiocesi.
UN FASCIO VERSO IL CIELO
In piazza Duomo verrà allestito un maxischermo per consentire ai cittadini di assistere alla fiaccolata e alla celebrazione della messa, e sarà azionato, per il terzo anno consecutivo, il dispositivo che emetterà un fascio di luce verso il cielo.
I RINTOCCHI
Alle 3:32 saranno effettuati 309 rintocchi, uno per ognuna delle vittime.
PARCHEGGI E TRAFFICO
Nella notte tra oggi e domani il tunnel di collegamento tra il mega-parcheggio “Lorenzo Natali” (nella zona di Collemaggio) e piazza Duomo, resterà aperto dalle 19 per tutto il tempo necessario. Dalle 19 di oggi fino all’una di domani saranno chiuse al transito veicolare via XX Settembre, via Crispi, via Delfico, viale Corridoni, via Generale Rossi, piazzale Paoli, via de Bartholomaeis, con divieto di sosta e rimozione forzata già a partire dalle ore 17 e dalle 19 anche in via Fontesecco (lato destro in direzione via XX Settembre). Su piazza Duomo è previsto il divieto di transito e di sosta dalle 19 di oggi alle 4 di domani con rimozione forzata.
LUTTO CITTADINO
Per la giornata di domani è stato proclamato il lutto cittadino con l’esposizione a mezz’asta e listate a lutto delle bandiere esposte sugli edifici pubblici presenti sul territorio comunale.
LUCI SULLE FINESTRE
Tutti i cittadini e le organizzazioni sociali, culturali e produttive, nonché le Pubbliche amministrazioni sono state invitate a esprimere in forme autonome la partecipazione al ricordo delle vittime, anche illuminando, questa notte, i balconi o le finestre degli edifici. È stato lanciato un appello anche ad Anci nazionale e ad Anci Abruzzo.
NEGOZI
Gli esercizi commerciali, le imprese, le attività artigianali e le altre organizzazioni pubbliche e private, con esclusione dei servizi indispensabili e obbligatori, sono invitate a sospendere l’attività lavorativa la mattina di domani fino alle 11.
OPEN MIC
Sempre domani alle 10:30 è previsto un momento di raccoglimento davanti la Casa dello studente e, a partire dalle 11, si svolgerà al Parco della Memoria l’iniziativa “Open mic” promossa dal Comitato dei Familiari: un momento di riflessione aperto a tutti i cittadini che potranno intervenire con un loro pensiero. Al termine sarà piantumato un albero come simbolo di vita e di speranza.
IL DOCUFILM
Il Conservatorio Casella dell’Aquila in occasione dell’anniversario del sisma, presenta M-ig-R-azioni (non visibili) – un secolo di ‘movimento’ nel territorio aquilano. Domani alle 18.30 all’auditorium del Conservatorio sarà proiettato il docufilm per attore/attrice-cantanti, orchestra d’archi ed elettronica musica Roberta Vacca, testi e immagini tratti da “Raccontami le storie…” a cura di Antonietta Centofanti, elaborati da Susanna Costaglione, Bartolomeo Giusti, Roberta Vacca, video Diodato Salvatore.
©RIPRODUZIONE RISERVATA