AVEZZANO. È arrivata la primavera all’Agrario Serpieri e la serra dell’istituto si è nuovamente riempita di colori e profumi. Il lavoro portato avanti dagli studenti, guidati dal professore agronomo Vincenzo Rosati, ha consentito, ancora una volta, di avere nella serra un tripudio di fiori. «La coltivazione in serra costituisce un aspetto importante del curricolo degli studi agronomici, ed il vivaismo, in questo caso ornamentale, rappresenta uno dei possibili sbocchi lavorativi configurandosi, peraltro, come un settore in espansione», afferma Rosati, responsabile della serra del Serpieri. Sono state prodotte diverse varietà di piante da fiore che possono essere acquistate in istituto. «I proventi della commercializzazione, come sempre, verranno reinvestiti nell’azienda agraria annessa alla scuola», spiega la dirigente Cristina Di Sabatino. «Tutte le fasi della coltivazione coinvolgono gli alunni con bisogni educativi speciali», tiene a precisare la professoressa Emiliana Di Felice. Le piante possono essere acquistate, dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 13.30, in via Buonarroti ad Avezzano.