ROSETO. Grande successo al liceo Saffo per il progetto “Sentinelle della Civiltà”, promosso dall’associazione Carrozzine determinate e dal suo presidente Claudio Ferrante. Martedì, dopo un incontro di 5 ore nell’aula magna dell’oratorio Piamarta, sono state nominate tra gli studenti del liceo 54 sentinelle della civiltà. «La risposta dei ragazzi del Saffo è stata eccezionale», commenta Ferrante, «e un plauso in particolare va agli studenti Deria Beatrice Neagu e Luca Di Diomede che, evidentemente ben istruiti sui valori della cittadinanza attiva dalla scuola, hanno chiesto e ottenuto dal preside che questo progetto dall’alto valore pedagogico venisse tenuto nella loro scuola».
I ragazzi coinvolti al termine della mattinata insieme a Ferrante risultano trasformati, viene completamente modificata la loro visione del concetto di disabilità. «Sono riusciti a sgretolare pregiudizi e a comprendere le vere radici della discriminazione», continua Ferrante, «passando attraverso il concetto di società non inclusiva dove la disabilità è l’espressione di un ambiente sfavorevole pieno di barriere architettoniche». Soddisfatto il dirigente del liceo Achille Volpini, che ha assistito al progetto. «Un’esperienza totalizzante capace di toccare le corde più profonde dell’anima. Il messaggio di Ferrante ti entra nel cuore», afferma, «la sua potenza narrativa apre uno squarcio nella coscienza, costringe a ripensare le relazioni, riposizionando all’apice della scala dei valori la solidarietà». (l.v.)