PESCARA. Il Pescara liberty festival ospita Antonella Ruggiero, attesa sul palco stasera, intorno alle 21,30, all’Aurum. Ingresso libero. Dopo il successo delle prime serate, il Pescara liberty festival arriva al cuore del suo programma, il terzo dei sette grandi appuntamenti previsti.
Protagonista sarà una delle voci più originali e inimitabili della scena italiana, Antonella Ruggiero, accompagnata da Paolo Di Sabatino al pianoforte e Renzo Ruggieri alla fisarmonica, due abruzzesi dalla carriera internazionale.
«Sarà un concerto davvero suggestivo», garantisce il direttore artistico Sergio Rendine, «il pubblico potrà apprezzare le canzoni d’epoca e i brani più moderni scelti dalla Ruggiero, quelli che si possono definire antesignani del neo liberty nello stile e nei contenuti».
In scaletta dunque brani presi dall’album omonimo, Souvenir d’Italie, come ad esempio Parlami d’amore Mariù, Il pinguino innamorato, Canzone fra le guerre…
Il periodo di riferimento è 1915/1945, quindi pieno Liberty quelli intorno al 1915 e ultimo Liberty quelli che si spingono fino al secondo dopoguerra. Il lavoro di Antonella Ruggiero è stato volto a recuperare e valorizzare i brani degli autori più noti di quegli anni.
Non a caso Antonella Ruggiero, considerata universalmente une delle voci più intense e suggestive del panorama musicale italiano, negli anni ha mostrato la sua curiosità sperimentando diverse forme sonore e artistiche. Dopo il percorso con i Matia Bazar, durato quattordici anni e una pausa di sette anni, ha ripreso la sua ricerca artistica, spaziando dalla musica sacra al jazz, dalla musica ebraica alla tradizione popolare. Tra i suoi album: I regali di Natale, Quando facevo la cantante, Come l’aria che si rinnova, Cattedrali, Requiem elettronico.