GIULIANOVA . Dopo tante polemiche, critiche e proteste, mercoledì scorso è stato rimosso il passaggio pedonale rialzato della discordia, erroneamente considerato “dosso dissuasore di velocità”. Il manufatto stradale, posto davanti all’ingresso est del parco Franchi, realizzato principalmente in asfalto, è stato smantellato dalla ditta che ha realizzato i lavori della pista ciclabile sul lungomare monumentale Zara.
A seguito di diverse segnalazioni l’assessore ai lavori pubblici Giampiero Di Candido e il comandante della polizia municipale, maggiore Roberto Iustini, hanno effettuato giorni addietro un sopralluogo da cui è emerso che il “passaggio pedonale” non era a norma secondo i parametri indicato dal del codice della strada.
Da qui la decisione di rimuoverlo e di segnalarlo con vistosi indicatori stradali al fine di evitare possibili incidenti. per questo mercoledì la ditta incaricata ha dato seguito alla disposizione del Comune. «Non si poteva fare altrimenti in quanto quel tratto rialzato sul lungomare, come realizzato, poteva rivelarsi fonte di pericolo e, comunque, di ostacolo alla normale viabilità», tiene a precisare lo stesso Di Candido, «credo che subito dopo le festività pasquali verrà realizzato dalla stessa impresa un passaggio pedonale rialzato a norma, uguale a quello ubicato sullo stesso senso di marcia di fronte al Kursaal. Purtroppo, nell’ambito di un ampio e complesso intervento, come quello effettuato sull’intero lungomare monumentale, può capitare che si incappi in qualche disguido. L’importante è provvedere successivamente a rimuoverlo nell’interesse degli automobilisti e del corretto scorrimento del traffico veicolare». (al.al.)