LANCIANO. Si taglia con un coltellino e poi ferisce anche l’amica. Due quindicenni sono finite in ospedale venerdì pomeriggio, probabilmente a seguito di un gesto di autolesionismo.
Dopo la scuola le due adolescenti, una di Lanciano e una di un paese dell’Aventino-Medio Sangro, sono rimaste in giro per la città e si sono fermate a consumare qualcosa in un locale del centro storico. Ad un certo punto sono andate nel bagno del locale e qui una delle due ha tirato fuori un coltello a serramanico che aveva portato con sé. La ragazza si è prima autoinferta un taglio sul braccio, poi ha fatto lo stesso con l’amica, che le avrebbe chiesto aiuto per replicare il gesto su di sé. È stato un ragazzo, entrando a sua volta nel bagno del locale, a scoprire la scena e a dare l’allarme.
Mentre la ferita della prima ragazza è risultata superficiale, il taglio della seconda era abbastanza profondo, tanto da richiedere una medicazione al pronto soccorso dell’ospedale Renzetti. Qui, come da protocollo, è scattata anche la segnalazione alle forze dell’ordine. La polizia del commissariato è intervenuta sul posto, in particolare con agenti donne che hanno approcciato le adolescenti con tutta la delicatezza che la situazione richiedeva. È stato così ricostruito quanto accaduto nel pomeriggio nel locale pubblico e anche la situazione personale e familiare delle due minorenni. La ragazzina di Lanciano se l’è cavata con sette punti di sutura al braccio, mentre l’amica è stata denunciata per lesioni. Il coltellino è stato sequestrato dagli agenti.
L’autolesionismo, ovvero il procurarsi intenzionalmente un danno fisico, è una delle forme in cui si manifesta il disagio giovanile. Un fenomeno che con la pandemia da Covid-19 ha registrato un’impennata tra i giovanissimi, accompagnata a un aumento dell’aggressività e delle risse. Scazzottate e aggressioni, anche molto violente, nonché l’abuso di alcol che riguarda anche i minorenni, hanno infatti caratterizzato la movida frentana nella stagione invernale e stanno già segnando quella estiva sulla Costa dei trabocchi.
©RIPRODUZIONE RISERVATA