SILVI . È rientrata a Silvi la salma di Emilio Vallescura, l’albergatore 55enne rimasto vittima di un incidente stradale giovedì sul lungomare di Montesilvano. La camera ardente è stata allestita nella sua abitazione di via Romani 35 dove viveva con la moglie Sandra e i suoi tre figli Alessandro, Andrea e Aurora. I funerali si terranno domani alle 10 nella chiesa dell’Assunta in via Roma. In tanti si stringeranno al dolore dei familiari di Vallescura, molto conosciuto per essere stato titolare dello storico hotel Miramare sulla riviera silvarola. Anche ieri sono stati innumerevoli i messaggi di cordoglio anche attraverso i manifesti funebri affissi sui muri in tutta la città: dal consiglio comunale al sindaco Andrea Scordella, dalla Croce rossa, delegazione Roseto-Silvi, all’associazione Albergatori locali, ma anche gli insegnanti e gli alunni della classe 5ª B del liceo scientifico sportivo Zoli di Atri, nonché il gruppo dei suoi amici del cuore “I teneri di Silvi”.
Molti i pensieri commossi indirizzati anche a Mariateresa e Leone, madre e fratello di Emilio. Dopo le esequie la salma riposerà nel cimitero di Silvi Paese. Sulle cause dello schiato tra la moto guidata da Vallescura e l’auto condotta da un 22enne di Montesilvano sono ancora in corso le indagini. Al conducente della macchina, illeso ma sotto choc, è stata ritirata la patente. Il giovane è risultato negativo ai test di droga e alcool, ma probabilmente sarà indagato per omicidio stradale. Nel frattempo gli sono state comminate multe per omessa precedenza e per non aver svoltato correttamente all’incrocio. (d.f.)