VASTO. Ha rubato un’auto a Vasto ma non è riuscito ad andare lontano. Un 40enne di Cerignola è stato intercettato, inseguito e arrestato dai carabinieri della sezione Radiomobile della Compagnia di Termoli. L’uomo con numerosi precedenti è accusato di furto aggravato. Il furto risale a mercoledì.
Una telefonata arrivata alla centrale operativa della compagnia carabinieri di Vasto ha segnalato il furto dell’auto nel centro di Vasto. I carabinieri di Termoli hanno subito spalmato tutte le pattuglie a disposizione sul territorio. Poco dopo, una pattuglia ha intercettato l’auto in fuga che, a velocità sostenuta, percorreva la Statale 16 in direzione sud: è scattato un inseguimento. Il conducente del mezzo, quando si è reso conto che sarebbe stato impossibile dileguarsi con la macchina rubata, l’ha abbandonata lungo la carreggiata e ha tentato la fuga a piedi. È stato rincorso e bloccato dai militari. Nel corso della perquisizione dell’auto, i carabinieri hanno trovato una centralina per autoveicoli modificata (usata in sostituzione di quella originale del mezzo asportato) e un cacciavite (usato per forzare la portiera lato guida e successivamente avviare il veicolo). Entrambi erano stati utilizzati per mettere a segno il furto e sono stati sequestrati. L’autovettura recuperata, al termine dei rilievi, è stata restituita al proprietario. Il ladro è stato arrestato e trasferito ai domiciliari a Cerignola a disposizione della Procura di Larino. Nel corso della successiva udienza davanti al gip, l’arresto è stato convalidato. A carico del 40enne è stata confermata la misura cautelare degli arresti domiciliari. (p.c.)