ROCCARASO. Ricomincia la stagione per gli appassionati di sci e in particolare per gli habitué dell’Alto Sangro. Da oggi, infatti, si può di nuovo scendere lungo le piste del Comprensorio Ski pass Alto Sangro, “graziato” dalle ultime precipitazioni, come annunciato dal sito ufficiale del consorzio che gestisce gli impianti della zona: «Le nevicate dei giorni scorsi, le temperature rigide e il sistema d’innevamento programmato hanno reso possibile l’inizio della stagione sciistica 2022-2023».
Si parte quindi da oggi con l’apertura della stazione dell’Aremogna dove, delle nove strutture presenti, vengono attivati gli impianti cabinovia Pallottieri, tapis roulant, seggiovia Macchione, seggiovia Gravare Corte e seggiovia Valle Verde 1. Bisognerà quindi aspettare ancora per le altre strutture. «Se le condizioni meteo e le temperature dei prossimi giorni lo permetteranno», precisano dal Consorzio Ski pass Alto Sangro, «ci saranno nuove aperture».
Nel frattempo chi ha deciso di tirare fuori gli sci dall’armadio oggi, può farlo liberamente, visto che «si scia senza skipass per inaugurare la nuova stagione». Gli impianti dell’Aremogna sono aperti a partire dalle 8 e fino alle 16. Poi, per il resto della stagione, lo skipass può essere acquistato, sfruttando al momento anche alcune promozioni, nelle biglietterie dell’Aremogna durante gli orari di apertura degli impianti, oltre che nelle sedi del Consorzio Ski pass Alto Sangro di Castel di Sangro in via Sangro dalle 8.15 alle 10.15 e dalle 17 alle 19.45, e nella sede del Consorzio in viale Roma 48 a Roccaraso dalle 8 alle 10 e dalle 17 alle 19.45. Per contattare telefonicamente il Consorzio si possono chiamare gli uffici di Castel di Sangro allo 0864.845049 e quello di Roccaraso allo 0864.602148.
Il Consorzio Ski pass Alto Sangro riunisce i gestori degli impianti di risalita sia della comunità montana dell’Alto Sangro e sia dell’Altopiano delle Cinquemiglia, riunendo così in un unico sistema turistico Roccaraso, Rivisondoli, Pescocostanzo, Pescasseroli, Barrea e Castel di Sangro.
©RIPRODUZIONE RISERVATA