L’AQUILA. «Ai Quatto Cantoni, proprio davanti le finestre del sindaco a Palazzo Fibbioni, a farla da padrone è la precarietà e l’abbandono, i rifiuti che vi vengono abbandonati, la pericolosità del contesto con le recinzioni facilmente permeabili che deturpano l’immagine del nostro centro storico. Per questo», afferma la deputata del Pd, Stefania Pezzopane, «ho chiesto all’ingegner Vittorio Rapisarda, provveditore alle Opere pubbliche per l’Abruzzo, «di procedere subito con l’apertura del cantiere nel comparto di 16mila metri quadrati che ospitava, oltre alla biblioteca, il convitto Cotugno, il Liceo classico, la Camera di commercio, alcuni uffici della Provincia e la chiesetta della Concezione, da 13 anni impacchettato tra tubi innocenti e tavole che il tempo ha usurato, con erbacce inguardabili che prendono il sopravvento. Sono convinta che fino a quando non si procederà al recupero della fruibilità di questo ultimo pezzo dei portici, il centro storico dell’Aquila non potrà tornare alla pienezza della vita pre-sisma. D’altra parte, sotto i portici era concentrato un notevole numero di attività commerciali», conclude.