VASTO. Pulizia e cura del verde. Il sindaco di Vasto Francesco Menna torna a sollecitare i privati a curare cortili e giardini per evitare che diventino una attrazione per i cinghiali. «Nel sollecitare ancora la Regione», dice Menna, «a prendere provvedimenti per evitare l’invasione del demanio, chiedo anche ai cittadini la collaborazione». La polizia locale è stata incaricata di verificare le condizioni delle aree verdi. Nel frattempo la polizia provinciale è stata sollecitata a intervenire nelle zone urbane per evitare pericoli per i residenti. L’invasione dei cinghiali è un problema che assilla tutto il Vastese. Anche il sindaco di Scerni, Daniele Carlucci, si è visto costretto a firmare un’ordinanza per l’abbattimento selettivo dei cinghiali per difendere i cittadini e anche gli agricoltori. «L’abbattimento selettivo dei cinghiali», spiega il primo cittadino nell’ordinanza, «è stato adottato per motivi sanitari e per l’incolumità pubblica nelle zone urbane a ridosso del centro storico: piazza De Riseis, via del Sole, via Gabriele d’Annunzio e in località Colle Comune – Fontenuova sui terreni dell’ex Cotir». Carlucci ha incaricato la polizia provinciale di Chieti di catturare i cinghiali che si aggirano nelle aree urbane in cerca di cibo. Anche Carlucci, come Menna, chiede a tutti gli abitanti e ai proprietari di terreni che ricadono nel comune di Scerni di «mantenere puliti e sgomberi i terreni dalla vegetazione infestante, allo scopo di prevenire il crearsi di condizioni ecologiche favorevoli alla penetrazione e all’ambientamento dei cinghiali. Una misura complessa per i vari pareri acquisiti ma resasi necessaria», spiega il sindaco Carlucci, «per tutelare la sicurezza di tutti e prevenire problemi igienico-sanitari salvaguardando al tempo stesso le coltivazioni». In questo periodo i cinghiali attraversano la fase riproduttiva e arginare la loro presenza anche nelle zone popolate è sempre più difficile. Una settimana fa una femmina di cinghiale ha partorito a ridosso della spiaggia di Vasto. A Punta Penna i danni provocati dagli ungulati sono incalcolabili. In aumento anche gli incidenti sulle strade. «O il Comune fa davvero qualcosa o non escludiamo una manifestazione», hanno protestato ieri alcuni residenti della Marina.
©RIPRODUZIONE RISERVATA