GIULIANOVA. È in arrivo, dopo decenni di attesa, il sospirato prolungamento di viale Orsini nord fino a via Mantova, ultima strada comunale al confine con Tortoreto. Per la viabilità del Lido sarebbe una vera e propria rivoluzione in senso migliorativo: verrebbe creata una parallela al lungomare e alla statale 16. Nei giorni scorsi è stato pubblicato dal Comune un atto che sancisce la non assoggettabilità a Vas (valutazione ambientale strategica) della proposta di variante al Piano regolatore generale relativo all’ambito E2.1. Si tratta di un ulteriore passo che porterà all’approvazione della riorganizzazione dell’intero ambito nella cosiddetta zona “Costa Verde” di Giulianova, situata a nord della città, tra la ferrovia e il lungomare Zara. Un ambito importante, già oggetto di diversi piani di lottizzazione, che attende da decenni di essere completato, anche a causa di ricorsi alla magistratura amministrativa di alcuni proprietari di lotti di terreno.
La variante si è resa necessaria per approvare il prolungamento di viale Orsini verso nord fino a collegarlo, con una rotonda, con via Mantova. Vengono inoltre riviste alcune distribuzioni di aree pubbliche e zone residenziali, anche in funzione di precedenti pareri di Provincia e Soprintendenza, recepiti in sede di adozione dei singoli piani di lottizzazione. Rimangono, invece, inalterati indici e parametri edilizi e vengono fatti salvi i piani attuativi già approvati. La delibera di non assoggettabilità a Vas, molto articolata, risponde anche ad alcune osservazioni poste da Arta e Soprintendenza che andavano a incidere su parti non interessate dalla variante, rimettendo in discussione tutta l’impostazione della zona. Occorrerà vedere se in fase di approvazione le stesse osservazioni verranno riproposte dalla Soprintendenza o se i chiarimenti forniti saranno stati esaustivi. In ogni caso l’approvazione della variante dovrebbe sbloccare l’attività edilizia ed urbanistica in una parte della città che necessita di essere completata, fornendo importanti servizi a residenti e turisti.
©RIPRODUZIONE RISERVATA