MARTINSICURO. La giunta Vagnoni bis sembra prendere forma anche se manca l’ufficialità, che dovrebbe arrivare a inizio settimana con una conferenza stampa in cui il sindaco darà i nomi di assessori, presidente del consiglio e delegati fuori della giunta. Nell’occasione il sindaco dovrebbe spiegare i criteri adottati nella scelta degli amministratori del prossimo quinquennio di governo cittadino, l’ultimo per Massimo Vagnoni che non potrà ripresentarsi per un terzo mandato.
IL TOTO NOMI. Le ultime e accreditate notizie sul toto assessori che ha accompagnato questi ultimi 10 giorni della vita politica della cittadina danno la giunta composta da Monica Persiani e Alessandra Pulcini (Continuiamo Insieme), Marcello Monti e Alduino Tommolini (MartinRosa), Marco Cappellacci (Progetto Futuro), con Umberto Tassoni (pure di Progetto Futuro) presidente del consiglio. Delle deleghe non si parla ma quasi sicuramente sono abbinabili ai settori in cui i prescelti sono stati impegnati nella prima amministrazione Vagnoni: a Persiani i lavori pubblici e la carica di vice sindaco visti gli oltre 500 voti di preferenza ottenuti, a Pulcini l’urbanistica, Cappellacci dovrebbe continuare a seguire l’ambiente e protezione civile così come Monti il sociale e Tommolini il bilancio. C’è una sola novità rispetto alla prima giunta Vagnoni, con Alessandra Pulcini che entra al posto di Giuseppina Camaioni, che aveva la delega alla cultura e la carica di vice sindaco. Tassoni subentrerebbe a Emma Zarroli, che ha partecipato con una propria lista alle amministrative, alla guida del consiglio comunale.
GLI ESCLUSI. Se saranno confermate queste notizie sicuramente si avranno dei mugugni, e sono possibili anche pesanti prese di posizione di alcuni consiglieri rimasti fuori dal governo cittadino. Ci sono diversi eletti che hanno superato i 200 voti di preferenza e che rimanendo fuori dalla giunta potrebbero non gradire. Tra questi: Giuseppina Camaioni (325 preferenze), Umberto Barcaroli (286), Isabel Marchegiani (223) e Lorenzo Ritrovati (216). Problemi potrebbero venire soprattutto da Barcaroli, da cinque anni con Vagnoni, ex consigliere con la delega al demanio, che contava di essere inserito nella giunta o come presidente del consiglio, e in casa MartinRosa con la scelta di Tommolini (219 preferenze) a scavalcare la Marchegiani (223).
CHI SUBENTRA. Se verranno confermati i nomi della nuova giunta, a entrare in consiglio al posto dei cinque assessori saranno i primi non eletti nelle liste di appartenenza, ovvero Leonardo Giansante e Giuseppe Vallese (MartinRosa), Riccardo Fedeli (Progetto Comune), Martina Pollastrelli e Ilario Capece (Continuiamo Insieme).
©RIPRODUZIONE RISERVATA