PIETRACAMELA. Il sole torna a splendere a Prati di Tivo dove è tutto pronto per la riapertura della stazione sciistica con la riattivazione domani mattina della cabinovia della Madonnina. È di ieri la determina dirigenziale del Dipartimento delle infrastrutture e dei trasporti della Regione che trasferisce l’autorizzazione al pubblico esercizio dell’impianto alla ditta del gestore Marco Finori fino al prossimo 23 settembre, data coincidente con la scadenza della deroga del Coreneva al solo esercizio estivo nel rilascio del certificato di immunità dal rischio valanghe. Oggi avrà luogo, dopo il completamento delle manutenzioni e i controlli alla cabinovia che si sono svolti in una corsa contro il tempo negli ultimi dieci giorni, l’ispezione generale e il collaudo da parte dei tecnici dell’Ansfisa, ex Ustif per l’ok definitivo e finalmente si può ripartire.
Una notizia attesa da due anni: la stagione prima della pandemia è stata l’ultima che ha visto gli impianti in funzione con regolarità. Dopo un lungo periodo di stasi e gravi perdite per gli operatori del posto e di tutto il comprensorio si concretizza una riapertura che vedrà la presenza delle istituzioni, di tanti appassionati che potranno finalmente salire fino alla Madonnina a bordo della cabinovia, per la gioia degli imprenditori locali che vedranno il ritorno dei turisti dopo l’avvio di stagione sottotono. Un risultato ottenuto con uno sforzo congiunto di più soggetti coinvolti per garantire la seconda parte dell’estate e augurarsi che ci sia continuità nel servizio anche per l’inverno. Un giorno di festa che potrebbe vedere il colpo di scena di un gruppo di residenti con l’alpinista Pasquale Iannetti che hanno minacciato di bloccare la stazione di partenza se non verranno forniti loro biglietti di passaggio gratuiti.
Adele Di Feliciantonio